window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-112768718-1');

La frittata, come prepararla alla perfezione!

Frittata

La frittata, un piatto classico e veloce, che nasconde alcune insidie…. 

La frittata è uno dei piatti più semplici e gustosi da preparare sia per un pasto veloce che per ricette più elaborate. 

È estremamente versatile, adatta ad essere servita come antipasto o secondo piatto, calda, fredda, in un panino o accompagnata da un contorno. Nonostante sia fondamentalmente semplice da preparare, bisogna seguire alcuni accorgimenti per poter ottenere la frittata perfetta!

PREPARAZIONE

Alla base di questo piatto ci sono quattro elementi: uova, sale, pepe e formaggio grattugiato. La base può essere arricchita da un’infinità di ingredienti per dare libero sfogo alla fantasia e ai gusti personali.
Il primo consiglio utile è quello di amalgamare tuorli ed albumi in modo che il composto risulti uniforme: le uova non devono essere montate ma semplicemente mescolate in modo omogeneo.
Per quanto riguarda il condimento, la fantasia la fa da padrona: verdure, salumi, carne, crostacei, formaggi, spezie ed erbe aromatiche possono deliziare il palato sposandosi ad una morbida frittata. 

COTTURA 

Anche per la cottura, la frittata si presta a più metodi: la classica in padella e la versione leggera in forno.

In padella 

Per la cottura in padella, è bene utilizzarne una antiaderente, unta leggermente con olio extravergine di oliva o burro, da tenere a fuoco lento e coperta: in questo modo cuocerà sulla base, ma comincerà anche a solidificarsi sulla superficie. Per aiutare la superficie a solidificare, è consigliabile, nei primi minuti di cottura, bucherellarla con i rebbi di una forchetta. Quando il fondo della frittata si è ben dorato e la parte alta è diventata solida, si può girare la frittata: questo è il momento più delicato! I più abili possono provare a farla saltare e, se non è troppo grande, è possibile aiutarsi con una spatola. Per evitare che si rompa, la soluzione migliore consiste nell’aiutarsi con un piatto da portata o con il coperchio: si comincia poggiando il piatto o il coperchio sulla padella per poi capovolgerla con mano salda, per farla poi scivolare nuovamente in padella e continuare la cottura, questa volta non coprendola. A seconda dell’ingrediente aggiuntivo scelto, è bene utilizzare alcuni accorgimenti per i tempi di cottura degli elementi aggiunti che possono variare: per esempio, se si vuole preparare una frittata con le verdure o con la salsiccia, bisogna iniziare a cuocere questi ingredienti prima di aggiungere la base della frittata per permettere la cottura omogenea del tutto.

Al forno 

La cottura al forno permette di preparare una versione più leggera e di evitare di… girare la frittata!

Affinché la cottura sia perfetta, si consiglia di usare una teglia antiaderente alta leggermente unta con olio extravergine di oliva o burro o foderata con carta da forno, bagnata e ben strizzata per farla aderire meglio alla teglia. Il forno deve essere statico preriscaldato a 170°C per 20-25 minuti. Il risultato sarà una frittata della consistenza quasi di un sufflè! 

Ti è piaciuto questo articolo? Segui tutte le news del Pieragnoli!

Seguici su Facebook e Instagram, e iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle nostre novità!

Prova i nostri prodotti

Archivio news

Titolo

© 2022 Pieragnoli. Tutti i diritti riservati.

Torna in cima